Dlgs 116/2020

Il Dlgs 116/2020, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 26.09, contiene diverse novità in merito alla gestione rifiuti.

Alcune entreranno in vigore solo dopo l’emanazione di necessari decreti attuativi, altre sono in vigore sin da subito, quali, in particolare:
• nuova tabella dei CER: modifiche all’allegato D), Parte Quarta del Dlgs 152/2006 (Elenco Europeo Rifiuti)
• certificati di avvenuto smaltimento: conferimenti effettuati con le operazioni D13, D14, D15.

Relativamente ai CER le modifiche riguardano l’introduzione di un nuovo CER (070218 SCARTI DI GOMMA) e la modifica della descrizione di altri CER (circa 150).
Poiché la tabella presente in Grif è modificabile direttamente dall’utente, se tra i CER che trattate sono presenti quelli variati potete modificare sin da subito la descrizione.
Visto poi che la tabella contiene alcune evidenti anomalie e discordanze rispetto a quella prevista dalla direttiva 2000/532/Ue, attendiamo ulteriori chiarimenti prima di predisporre una procedura per l’aggiornamento massivo; vi aggiorneremo in seguito.

In merito ai certificati di avvenuto smaltimento, il decreto introduce, per quanto riguarda le operazioni D13 (raggruppamento), D14 (ricondizionamento) D15 (deposito preliminare), la necessità di ottenere da parte del produttore dei rifiuti un’attestazione di avvenuto smaltimento, resa ai sensi del D.P.R. n. 445 del 2000, e sottoscritta dal titolare dell’impianto (comma 5).
Grif è già in grado di produrre i certificati di avvenuto smaltimento; se interessati vi invitiamo quindi a contattarci.

back to office!

Siamo lieti di comunicare che, con tutte le precauzioni del caso e le procedure di sicurezza, il team di SIA sta rientrando poco per volta in ufficio; ve lo diciamo perché non ve ne accorgerete, visto che non ci siamo mai fermati!

#backtooffice #ripartenza

SIA e lo smartworking

Desideriamo rassicurare i nostri clienti sulla continuità operativa di SIA; a tutela della salute dei nostri dipendenti, collaboratori e della collettività, in ottemperanza al DPCM_20200308 abbiamo adottato lo smartworking.

Assicuriamo la piena attività e informiamo che i servizi di assistenza verranno erogati come al solito dai nostri collaboratori al telefono e tramite teleassistenza; per rendere più agevole l’organizzazione degli stessi vi preghiamo di inviare le richieste prioritariamente tramite email agli indirizzi di seguito riportati:
sia@insia.it
assistenza@insia.it

Vi invitiamo a specificare nella mail di richiesta di assistenza il nome dell’azienda, il vostro nome e cognome, il numero di telefono a cui contattarvi e quale è il motivo della richiesta.

Vi ringraziamo per la collaborazione.

Tool conversione software AIRONE

E’ disponibile per i nuovi clienti il tool di conversione dei dati da Airone, software per la gestione dei rifiuti attualmente in dismissione.
Con il nostro tool è possibile convertire i dati dell’anno 2019 e dell’anno in corso da Airone a Grif, garantendo la continuità nei dati e la possibilità di generare il MUD in automatico con Grif. Contattateci per ulteriori informazioni alla mail commerciale@insia.it.

NSO – nodo smistamento ordini – attesa proroga

Ieri, 26 settembre, nella sezione NSO del sito della Ragioneria dello Stato è stata pubblicata la seguente comunicazione:

“Si comunica che è in corso di aggiornamento la data di decorrenza prevista dall’articolo 3 del decreto ministeriale 7 dicembre 2018.”

Da informazioni non ancora ufficializzate risulta che l’introduzione dell’obbligo dell’invio degli ordini tramite il sistema NSO sia stato spostato al 1.2.2020 per i beni e ad ulteriore data successiva per i servizi.

Nei prossimi giorni (comunque dopo il primo ottobre) verrà quindi pubblicato un nuovo decreto ministeriale che andrà a modificare il provvedimento del 7.12.2018.

Ricordiamo comunque che resta valida la facoltà per gli enti SSN di iniziare ad utilizzare il sistema NSO anche prima dell’effettivo obbligo.

E-fattura differita, data di fine mese a prescindere dall’ ultima consegna

“Superata l’ interpretazione che sembrava limitare l’ indicazione delle date Trasmissione allo Sdi entro il giorno 15 del mese successivo

Risolto finalmente il tema della data fattura da indicare in caso di fatturazione differita: ammessa l’indicazione convenzionale dell’ultimo giorno del mese di effettuazione dell’operazione. L’agenzia delle Entrate con la risposta 389 di mercoledì 25 settembre mette la parola fine ad una problematica che aveva creato non pochi problemi applicativi a tutti i contribuenti che con i software a disposizione non erano in grado di gestire, in modo automatico, il vincolo, in caso di emissione della fattura nel mese successivo a quello di effettuazione, di riportare l’ esigibilità dell’ imposta nel mese precedente. La posizione dell’ Agenzia innova o meglio puntualizza quanto già affermato dalla circolare 14/E/2019 e consente ai contribuenti di gestire le fatture differite secondo la seguente procedura semplificata….”

Da Il Sole 24 Ore del 25.09.2019

 

entra a far parte del nostro team

Per espandere il team, SIA cerca alcuni Specialisti Software ERP per fornire consulenza applicativa e supporto alle aziende. Le figure riporteranno al Responsabile della Gestione Clienti. La sede di lavoro è Cremella (al centro del triangolo Lecco-Como-Monza)

I compiti principali:

· Supporto agli utenti di riferimento del cliente sulle problematiche applicative (assistenza telefonica, teleassistenza)
· Formazione/avviamento del cliente sull’utilizzo della procedura, da remoto o presso la sua sede
· Semplici installazioni/aggiornamenti degli applicativi
· Stesura di documentazione
· Interfacciamento con gli analisti/programmatori per la personalizzazione del software e con i sistemisti per le infrastrutture IT
· Supporto all’attività commerciale nella presentazione dei prodotti
· Interazione con le altre funzioni aziendali in logica di team working

Per ulteriori informazioni consultate l’annuncio su Linkedin.

nuovi controlli sulle fatture elettroniche

Vi informiamo che in data 30 luglio 2019 sono stati introdotti nuovi controlli sulle fatture elettronica PA e non PA.
In particolare sono stati aggiunti i seguenti controlli:
A.    Verifica della coerenza di partita IVA e codice fiscale (se entrambi presenti) sia per il cedente/prestatore che per il cessionario/committente (codici di errore 00320 e 00324)
B.    Verifica della corretta valorizzazione del codice fiscale, sia per il cedente/prestatore che per il cessionario/committente, nei casi in cui la partita IVA sia quella di un gruppo IVA (codici di errore 00321, 00322, 00325 e 00326)
C.    Verifica del corretto utilizzo del codice destinatario “XXXXXXX” (codice di errore 00313)
D.    Verifica che l’indirizzo PEC indicato nel campo PECDestinatario non corrisponda ad una casella PEC del SdI (codice di errore 00330)
E.    Verifica, nei casi di autofattura, che la partita IVA del cedente/prestatore non sia cessata da più di 5 anni (codice di errore 00323)

Nodo Smistamento Ordini – NSO

A partire dal 1/10/2019 gli ENTI del Servizio Sanitario Nazionale (es: ASL, Ospedali, Laboratori, Case di riposo/cura) saranno obbligati ad emettere e trasmettere ai propri FORNITORI documenti attestanti l’ordinazione degli acquisti di beni e servizi solo ed esclusivamente in forma elettronica (ORDINE ELETTRONICO).
Per l’adempimento dell’obbligo verrà messo a disposizione un nuovo sistema, chiamato NSO (Nodo di Smistamento Ordini), il cui principio di funzionamento è simile a quello dello SDI per le fatture elettroniche.
Se siete tra i soggetti coinvolti e volete ulteriori informazioni contattateci!